Aiuto agli animali contro gelo e neve

Il Corpo Forestale dello Stato della Provincia di Verona, ha predisposto per quest'anno cibo e coperte calde per aiutare gli animali selvatici in difficoltà.

caprioloFortunatamente quest'anno fino ad ora non è stato particolarmente freddo, a differenza dell'inverno scorso quando, a causa del grande freddo e gelo, caprioli, daini e cervi furono decimati.

Contrariamente a quello che si crede, la neve rappresenta una difficoltà enorme per questi animali, perchè quando nevica, cervi e caprioli si riparano nei boschi di abete e lì mangiano i rami di questa pianta che provoca loro pericolosi blocchi intestinali.

Si può ben capire allora l'importanza di far trovare loro cibo nelle mangiatoie distribuite su tutto l'arco alpino già dall'autunno che sono riempite di fieno dal personale del Corpo ForestaleGli animali così si abituano a trovare cibo anche quando le condizioni meteo peggiorano.

Altra causa di morte è rappresentata dalla difficoltà di muoversi nella neve alta e dalle persone che facendo ciaspolate spaventano animali come la pernice bianca o il gallo cedrone.

Oltre la neve anche le basse temperature rappresentano un pericolo per animali come la faina, lo scoiattolo, la donnola: l'istrice per esempio se viene colta di sorpresa da una gelata si ferma e non si muove più. E’ necessario allora prelevare l'animale e trasportarlo in un luogo più riparato dove potrà riprendersi.

Nel caso ci si dovesse imbattere in un animale in difficoltà consigliamo di chiamare il numero 1515  dove risponderanno gli esperti del Corpo Forestale dello Stato.