Scoperto traffico di selvaggina

SelvagginaFinalmente una buona notizia sul fronte della tutela dei nostri amici pennuti. Grazie all’intervento della Guardia forestale dello Stato è stato scoperto ed interrotto un traffico illegale di uccelli protetti provenienti dal nord africa che sarebbero stati venduti per finire poi sulle tavole di noi italiani.

Migliaia di volatili tra cui passeri, fringuelli e storni per un valore di circa 400.mila euro sono stati sequestrati in molte province del nord Italia con relative denunce agli otto personaggi autori del traffico. ”African-Osei”  così chiamata l’operazione svolta dalla Polizia ambientale e Forestale di Macerata, ha coinvolto ,grossisti, commercianti e proprietari di ristoranti che intendevano trafficare con la selvaggina. Al momento le otto persone denunciate rischiano grosso per la severa normativa che protegge la fauna selvatica ed il prelievo venatorio. L’indagine è ancora in corso in molte regioni del nord e centro Italia e non si escludono ulteriori sviluppi. Sinceramente non si riesce a comprendere questo tipo di atteggiamento generalizzato: bisogna ricordare che in Italia gli animali selvatici sono considerati patrimonio indisponibile dello Stato ed il commercio è vietato in tutte le sue forme. Ricordiamo che anche le specie di cui purtroppo è permessa la caccia, non possono essere assolutamente vendute, acquistate e neppure trasportate. Speriamo vivamente che episodi di questo tipo diventino sempre più una rarità.