Educazione ambientale a scuola

educazioneambientale

Una preziosa innovazione vede protagonista il mondo della scuola: l’educazione ambientale diventerà materia scolastica obbligatoria già dall’anno 2015/16, non solo nelle scuole dell’infanzia, ma anche in quelle medie e superiori. I temi trattati saranno piuttosto vasti e ci si occuperà anche della salvaguardia degli animali e dell’alimentazione biologica.

Il Ministro dell’Ambiente ci tiene a sottolineare come questa disciplina possa aiutare grandi e piccini a comportarsi in maniera corretta con tutto ciò che ci circonda, rispettando ogni singolo elemento che possiamo trovare in natura. Ci si occuperà anche di rifiuti e biodiversità, ma anche di ecologia grazie al supporto della LAV: fondamentale l’apprendimento dell’etologia riguardo gli atteggiamenti degli animali, rispettandoli in ogni loro forma.

Come accennato, l’alimentazione sostenibile è solo un altro tassello fondamentale di questa nuova materia. Dovrà essere incentrato sulla dieta vegana, tutelando e salvaguardando animali, ambiente e salute. Una scelta resa possibile grazie a un progetto conseguito dai ministeri dell’Ambiente e dell’Istruzione, che vedrà il ritorno dell’educazione civica. Una decisione che porterà ottimi frutti, che non deve rappresentare una difficoltà eccessiva al duro compito dello studente. L’obiettivo che si cerca di raggiungere è quello di scoprire e imparare un nuovo modello educativo per vivere in maniera civile e salutare. Sostenere l’ambiente è importante e sono ormai numerose le persone che cercano di tutelarlo in ogni suo ambito. L’introduzione della materia scolastica getta le basi per un futuro migliore, pulito e sostenibile.

Si tratta di un progetto rivolto a tutti gli alunni, sperando che riescano a cogliere al meglio tutte le informazioni che saranno fornite dagli insegnanti. Una disciplina che non detta regole o formule matematiche, non insegna date o poesie storiche, ma si proietta verso un’incognita futura del tutto imprevedibile. Si cerca di educare tutti i giovani, poiché sarà solo grazie a loro e alle varie ideologie che il nostro pianeta potrà tornare a risplendere come un tempo. Un progetto sicuramente importante e che merita grande appagamento. Lo Stato e le Regioni hanno finalmente la possibilità di incoraggiare una reale e concreta educazione nei confronti dell’ambiente, che dovrà poi essere messa in pratica.